Come Usare il Fondo Pensione in Modo Ottimale

Il nuovo sistema previdenziale è stato creato per scaricare sulle persone la responsabilità degli sbagli e della scarsa lungimiranza di chi ci governa.

In quest’articolo capiremo insieme perché non avremo la pensione d’anzianità e cosa hanno architettato per tenerci incollati alla scrivania a lavorare, in modo da evitare la bancarotta schiavizzandoci fino a quando non saremo in punto di morte.

Capiremo inoltre come usare il fondo pensione in modo ottimale… per non prenderla in quel posto!

Informazioni di base

Se non abbiamo la più pallida idea di come funziona l’attuale sistema delle pensioni allora cercherò di riassumerlo in modo semplice dicendo solo quello che serve sapere.
Ci sono mille varianti legate a tipologie di lavori particolari (nella difesa, usuranti, nello spettacolo…) che Consiglio di Consultare QUI, ma per la stragrande maggioranza delle persone la regola per andare in pensione è:
  1. Avere almeno 20 anni di contributi e avere 66 anni e 7 mesi per l’uomo o 65 anni e 7 mesi per la donna, ma solo se ci spetta una pensione di almeno 670 euro, altrimenti si passa al punto 4.
  2. Avere almeno 20 anni di contributi e avere 63 anni e 7 mesi, ma solo se ci spetta una pensione di almeno 1250 euro, altrimenti si passa al punto 4.
  3. A prescindere dall’età, aver lavorato per almeno 42 anni e 10 mesi (41 anni e 10 mesi per le donne).
  4. Avere almeno 70 anni e 7 mesi di età e aver lavorato per almeno 5 anni.
Queste regole diciamo che valgono per chi ha appena iniziato a lavorare fino circa agli attuali quarantenni, che non hanno mai lavorato prima del 1996.
Per tutti gli altri c’è una gestione mista, ma in quest’articolo vorrei rivolgermi ai giovani e ai miei coetanei, cioè chi è nel pieno della propria vita lavorativa e in qualche modo è ancora in tempo cambiare strada, dopo aver capito quello che sta accadendo a sua insaputa.

Quindi quando andremo in pensione?

A questa domanda non si può rispondere con precisione perché ci sono troppe variabili in gioco, ma se guardiamo al momento attuale le prospettive sono pessime.

Oggi si possono fare solo ipotesi, tutto dipenderà dalle nuove riforme, ma soprattutto dall’andamento dell’economia, perché, come abbiamo appena visto, i requisiti per andare in pensione prima dei 70 anni dipendono dall’importo della pensione stessa, ma questo a sua volta dipende dall’andamento dell’economia!

Se l’economia andrà male la nostra pensione sarà bassa e non riusciremo ad andare in pensione prima dei 70 anni.
Questo scenario è oggi il più probabile perché gli economisti, a differenza dei politici, non prevedono una crescita significativa per i prossimi anni.
A dirlo naturalmente non sono io, ma uno (dei tanti) studio del Corriere che mostra come (per gli attuali trentenni) anche avendo uno stipendio elevato, si rischia quasi di non rientrare nelle soglie di legge (i 670 euro e i 1250 euro citati prima).
In poche parole cosa dobbiamo fare?
Non si può più far conto sulla pensione per passare una vecchiaia felice.
I requisiti per ottenerla sono sempre più alti e le i soldi percepiti ogni mese sono sempre più bassi, ai limite del ridicolo.
Va bene che è possibile vivere con 500/600 euro al mese, ma che senso ha lavorare per 40 anni per ottenere questa rendita ridicola!?
Tanto vale impegnarsi e crearsela da soli!

Fondo Pensione e Pensione Integrativa

Viste le prospettive pensionistiche ti sarà sicuramente venuto in mente di fare un fondo pensione, e anche se non ti è venuto in mente te lo avranno sicuramente proposto in banca o in qualche assicurazione, in modo tale da creare la tua pensione integrativa che andrà a sommarsi con quella “statale”.

Ormai i fondi pensioni vengono proposti anche nei bar, nei supermercati e quasi ovunque perché costituiscono un business multi milionario.

Il vero obiettivo di questo articolo è quello di insegnarti come puoi utilizzare il fondo pensione per ottenere il massimo dei benefici possibili.

Il fondo pensione integrativo ha 2 possibili fonti di entrata.

La prima è caratterizzata dal TFR (trattamento di fine rapporto) che viene versata direttamente dal tuo datore di lavoro, è una fonte facoltativa ovvero hai la possibilità di decidere se lasciare il TFR in azienda, con i relativi rischi che dopo vedremo, oppure puoi decidere di versarlo nella tua posizione pensionistica integrativa.

La seconda componente è un versamento facoltativo a tuo carico, che può essere effettuato mensilmente o annualmente.

Molto spesso se effettui un versamento personale il datore di lavoro sarà tenuto a versare una parte a nome tuo, che solitamente corrisponde ad una somma compresa tra l’1 e il 2% della busta paga.

Leggi anche: Come Raddoppiare i tuoi soldi con la Regola del 72

 

Come Usare il Fondo Pensione in Modo Ottimale

Essendo nel settore finanziario dal oltre 10 anni posso dirti esattamente le strategie che utilizzo personalmente per massimizzare al massimo l’utilizzo della pensione integrativa.

 

Cosa fare con il TFR?

Hai 2 possibilità.

Se vuoi andare in pensione giovane e vivere di rendita puoi decidere di fartelo mettere in busta paga in modo tale da massimizzare i tuoi guadagni annui.

Facendo cosi però il TFR entra a far parte del tuo reddito e viene tassato interamente di almeno il 23% (aliquota IRPEF minima).

Se invece prevedi di lavorare fino alla pensione tradizionale ti consiglio di metterlo nel fondo pensione integrativo.

Questo ti permette di risparmiare moltissime tasse in quanto verrà tassato con un’aliquota agevolata (che va dal 9 al 15% in base all’anzianità del tuo fondo pensione).

Se decidi di tenere il TFR in azienda devi sapere che nel momento del pensionamento ti viene riconosciuto interamente in busta paga contribuendo a fare cumulo sul tuo reddito, e proprio per questo motivo ti troverai a pagare migliaia e migliaia di euro di tasse aggiuntive.

Ricorda che con il fondo pensione puoi chiedere anticipazioni solo in caso previsto dalla legge ovvero (ed entrambi solo dopo 8 anni dall’apertura):

  • 30% per qualsiasi motivo
  • 70% per acquisto prima casa

–> Personalmente metto interamente il mio TFR nel fondo pensione

 

Dovrei fare versamenti aggiuntivi personali?

Sinceramente ti consiglio di si.

Ti consiglio di mettere il minimo possibile, in modo tale da aver diritto al versamento aziendale “gratuito” che va dall’1 al 2% della tua busta paga lorda.

Mi rendo conto che non è tantissimo ma corrispondono ad almeno 200 euro annui completamente gratuiti.

Inoltre per ogni versamento personale godremo di un’agevolazione statale che ci permette di portare in deduzione tale importo.

Cosa significa?

Che se verso ad esempio 1000 euro all’anno nel fondo pensione avrò diritto ad una deduzione (ovvero su quei soldi ho diritto ad un rimborso di tasse già pagate) che mi garantiranno almeno 230 euro di rimborso con il 730 dell’anno successivo

–> Personalmente faccio un versamento minimo mensile che mi garantisce il contributo aziendale “gratuito”

Potrebbe interessarti: Come diventare Ricco e Felice…. e Salvare il Mondo

 

Conclusioni

Anche se il mondo pensionistico sta andando decisamente in declino, è possibile massimizzare i benefici dall’utilizzo di un fondo pensione integrativo sfruttando i versamenti aziendali e i bonus fiscali.

Tuttavia ti ricordo di fare versamenti facoltativi minimi su questo strumento e di massimizzare il risparmio tradizionale.

Ti ricordo che puoi vivere di rendita partendo da zero mediamente in 10 anni!

 

 

Allora cosa dici? Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con tutte le persone a cui vuoi bene!!

A presto

Giorgio

 

 

PS: VUOI SAPERE COME RAGGIUNGERE LA LIBERTÀ FINANZIARIA E VIVERE DI RENDITA?

Ho creato questo sito per insegnarti esattamente tutte le strategie che devi seguire per essere finanziariamente libero in circa 10 anni partendo da zero.

Resta aggiornato quando pubblico un nuovo articolo entrando nel gruppo facebook oppure inserisci la tua mail nella colonna a sinistra…e non dimenticarti di dare un occhio al manuale per vivere di rendita.

Se sei curioso ti invito a leggere le mie guide:

  1. Come investire in borsa: La guida definitiva
  2. Come Creare una Rendita Mensile: La Guida definitiva per Fare soldi senza Lavorare
  3. Vivere di Rendita: La guida definitiva per la Libertà Finanziaria
  4. Fare soldi senza lavorare: La classifica completa delle migliori entrate passive

 

NO SPAM
NO PUBBLICITA’

Solo contenuti di valore!

 

www.viveredirendita.net

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.