La frugalità è una parte importante della finanza personale

Negli ultimi anni, il movimento della libertà finanziaria FIRE è cresciuto a dismisura. Le persone hanno finalmente capito che non devono per forza lavorare per quaranta o cinquanta anni, prima di andare in pensione. Se riescono ad aumentare la differenza tra guadagno e spesa, ovvero se riescono a mantenere un alto tasso di risparmio, allora possono raggiungere l’indipendenza finanziaria molto prima del previsto.

Aumentare il reddito è una parte molto importante di questa equazione, ovviamente, ma non è l’unico pezzo del puzzle. L’equazione fondamentale della finanza personale è questa: la tua ricchezza è uguale a ciò che guadagni meno ciò che spendi. Le tue spese svolgono un ruolo cruciale nella rapidità con cui sei in grado di creare ricchezza e / o raggiungere i tuoi obiettivi finanziari.

Se vuoi spendere meno, è fondamentale resistere alla tentazione di confrontarti con gli altri.

Questa è una delle maggiori virtù del movimento FIRE. In base alla mia esperienza, le persone che hanno questo obiettivo hanno consapevolmente rinunciato al consumismo. Proprio per questo l’indipendenza finanziaria viene spesso definita come una vita di non consumo, detta anche vita frugale.

Ovviamente, non tutti gli interessati alla libertà finanziaria vogliono vivere in modo frugale. Alcune persone vogliono raggiungere l’indipendenza finanziaria per perseguire vite di eccessi. Vogliono case con piscina e macchine lussuose. Vogliono avere più della gente che li circonda. E va bene, ognuno è diverso.

Molti di noi, tuttavia, hanno capito che “l’avere di più” non ci renderà felici.


La virtù della frugalità

Meno consumi, meno devi guadagnare per sostenere il tuo stile di vita.
Meno consumi, meno oggetti inutili hai nella tua vita.
Meno consumi, prima puoi smettere di lavorare.
Come me, probabilmente hai sentito queste frasi più o meno un milione di volte. Ma spero che, come me, non ti stanchi mai di sentirle.

Diciamo che, se hai un lavoro medio. Ipotizziamo che tu sia un normale impiegato e che guadagni 20.000 all’anno con il tuo lavoro. Se guadagni 20.000 all’anno e spendi 20.000 all’anno, non hai nessun “margine”. Se qualcosa va storto – ti ammali seriamente, perdi il lavoro – sei nei guai fino al collo.

Se, d’altra parte, spendi “solo” 10.000 all’anno, hai un buffer. Se subisci un evento catastrofico che ti impedisce lavorare per mesi (e ipotizziamo anche di essere pagato) sarai in grado di affrontare meglio la crisi.

Meno consumi, meno devi guadagnare per sostenere il tuo stile di vita attuale. E meno consumi, prima puoi permetterti di fare scelte di vita differenti.

Mantenendo un tasso di risparmio abbastanza ambizioso del 50 o addirittura del 70 percento tra i 20 e i 30 anni, puoi andare in pensione a 40/50 anni anziché 67 anni. Questo ti dà dai 20 ai 30 anni di libertà “anticipata” per fare ciò che vuoi nella vita.

Spendere meno rende tutti gli obiettivi finanziari più facili da raggiungere. Come Dave ha scritto nel suo post per gli ospiti all’inizio di questa settimana, la frugalità acquista disciplina – e la disciplina equivale alla libertà.

La vita è fatta di scelte. Privarti di certe cose ora significa privarti di meno cose in futuro. Quando scegli di spendere meno, non stai solo aumentando i tuoi profitti. Stai anche guadagnando il tempo e la libertà che sarebbero stati necessari per guadagnare quei soldi. La parsimonia non è privazione. È ricchezza.

È a causa di questo costante desiderio che è così importante per me trascorrere del tempo con i miei amici nella comunità del pensionamento anticipato. Applicano la pressione dei pari, ma è una pressione dei pari positiva. Vedo le scelte frugali che fanno e voglio fare scelte simili. Sento come vanno d’accordo con meno e voglio cavarmela con meno.


Ti piace il mio Blog? Se il mio sito porta valore anche a te, ti piace leggere quello che scrivo e migliora la tua giornata, UNISCITI AI SOSTENITORI UFFICIALI DEL PROGETTO VIVERE DI RENDITA. Oppure dai un occhio al manuale per vivere di rendita.


Ricordati sempre…

Scelte facili, vita difficile.

Scelte difficili, vita facile.

Anche oggi è arrivato il momento di salutarci 🙂

Ad maiora!

Giorgio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.