Il coronavirus fa paura, ma è irrilevante per i tuoi investimenti

La diffusione del coronavirus sta causando paura in tutto il mondo. E, sebbene possa rappresentare una seria minaccia a breve termine per la salute umana, non è qualcosa che dovrebbe influire sulle tue decisioni di investimento. Ecco perché.

“I mercati finanziari mondiali sono stati colpiti dal coronavirus cinese”

“I mercati globali crollano mentre il virus letale si diffonde in Cina”

“Le azioni della Cina scendono dopo che le autorità hanno bloccato la città di Wuhan”

Questi sono solo alcuni dei titoli di notizie al telegiornale o nelle principali riviste nazionali, dove abbiamo visto che lo scoppio del coronavirus in Cina sta iniziando a diffondersi in tutto il mondo. E, ovviamente, le notizie dei giornali sono molto, molto più “tragiche” e catastrofiche nel raccontare la realtà dei fatti.

È qualcosa di cui tu, come investitore, devi preoccuparti?

La risposta breve è “NO”.

Nel mondo, accadono cose orribili tutti i santi giorni. Quando si tratta di investimenti, focolai di malattie, attacchi terroristici e persino guerre, possono essere in gran parte collocati nella stessa categoria: sono eventi dirompenti, tragici, hanno un costo umano potenzialmente significativo, ma di solito influenzano il mercato solo nel breve termine

La prima cosa interessante da notare è che durante questo tipo di epidemie, i mercati non hanno sempre reagito male. Qui sotto puoi trovare un grafico di Market Watch che fa vedere come si sia comportato l’MSCI World durante queste crisi. E come potete vedere dall’immagine sotto, i movimenti del mercato sono stati tutt’altro che a senso unico.

Nel caso della SARS e degli ultimi casi di Ebola il mercato è sceso, ma durante l’influenza aviaria e quella suina, il mercato è salito. E tutto sommato, considerando tutte queste possibili pandemie il mercato, anche durante questi momenti preoccupanti, in media è salito.

Quindi, nonostante la paura del coronavirus abbia generato delle vendite, è molto probabile che qualcuno abbia deciso di tirare i remi in barca e vendere parte delle sue azioni, che nel 2019 sono aumentate parecchio di valore usando questa situazione come una “scusa”.

Prendiamo ad esempio l’epidemia di SARS del 2003. Sembrava la fine del mondo – peggio finora dell’epidemia di coronavirus. Ha conquistato molti titoli di giornale e ha avuto un effetto sulla crescita economica nelle aree e nei settori più colpiti. È stato un disastro anche per il settore aereo ancora in crisi dagli attacchi terroristici degli Stati Uniti del settembre 2001. E si stima che nel 2003 sia costato uno o due punti percentuali dalla crescita del PIL cinese.

Il coronavirus potrebbe certamente mettere un freno all’attività cinese. Potrebbe anche influenzare l’industria dei viaggi. Allo stesso modo, come sottolineano i ricercatori di Capital Economics, se vuoi preoccuparti di qualcosa in Cina, dovresti invece preoccuparti di un probabile rallentamento del mercato immobiliare, che è il vero motore di questo paese.

Giusto per essere molto chiari nei nostri tempi di ipersensibilità, nulla di tutto ciò può ridurre la gravità della situazione o il costo umano. Le pandemie globali sono avvenute in passato e sono state assolutamente catastrofiche. La Morte Nera ha probabilmente cambiato il corso della storia; l’influenza spagnola nel 1918 uccise più persone della prima guerra mondiale

Se sei un trader a breve termine a cui piace giocare d’azzardo, potrebbero esserci delle buone opportunità là fuori. All’oro piacciono le cattive notizie, l’industria dei viaggi subirà un colpo dalle restrizioni ai movimenti e probabilmente ci sono aziende di biotecnologie che otterranno un aumento del prezzo delle azioni a breve termine semplicemente perché stanno conducendo ricerche vagamente correlate al virus.

Ma nessuna di queste cose è importante dal punto di vista degli investimenti se ti consideri un investitore a lungo termine.

E se sei seduto lì oggi, come un apparente investitore a lungo termine, guardando le azioni della tua compagnia aerea o azioni di qualsiasi tipo e chiedendoti se dovresti venderle, beh, questo mi fa capire che non sei sicuro del perché le hai acquistate in primo luogo .

Perché di sicuro posso dirti una cosa, quando hai investito in quei beni, la tua logica non era assolutamente: “Li comprerò perché non credo che ci sarà una pandemia nel prossimo futuro”.

Quindi, se in questo momento ti senti spaesato e hai paura, allora è il momento di rivedere i tuoi investimenti e mettere in atto un piano di allocazione delle risorse più giusto per te.


articoli utili


Ti piace il mio Blog? Se il mio sito porta valore anche a te, ti piace leggere quello che scrivo e migliora la tua giornata, UNISCITI AI SOSTENITORI UFFICIALI DEL PROGETTO VIVERE DI RENDITA, e ottieni il mio contatto diretto per dubbi o domande su whatsapp. Oppure dai un occhio al manuale per vivere di rendita.


Ricordati sempre…

Scelte facili, vita difficile.

Scelte difficili, vita facile.

Anche oggi è arrivato il momento di salutarci 🙂

Ad maiora!

Giorgio


2 pensieri riguardo “Il coronavirus fa paura, ma è irrilevante per i tuoi investimenti

  1. Sacrosanto. Per un investitore a lungo termine questo tipo di fluttuazioni sono del tutto irrilevanti, se non addirittura delle occasioni: io personalmente tengo sempre denaro cash da investire in questi momenti di flessione per generare una perfomance migliore.
    Come diceva qualcuno: quando c’è crisi il risparmiatore trema mentre l’investitore oculato si sfrega le mani… forse cinico ma tremendamente vero.

    "Mi piace"

Rispondi a Giacomo Ceruti Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.